Pelleverde tribali – TANTI pelleverde tribali

Niente incita alla calma quanto percuotere un teschio come fosse un tamburo, no?

Parlando dei benefit della quarantena, c’è sicuramente un sacco di tempo da dedicare all’hobby (e rimaniamo a parlare solo di quello, se vi va!) – sopratutto a quei progetti che proprio per mancanza di tempo da investire sono rimasti a prendere polvere qualche mese di troppo sulla mensola del ‘lo-farò-poi’.
Per noi si tratta di una grossa unità di Savage Orruks, commissionata da un amico, che visti il numero (50+!) di modelli ci intimidiva non poco: nonostante i modelli sia molto dettagliati e aiutino molto il lavoro di pittura, si tratta di un numero di modelli che affrontati senza le giuste ‘misure’ rischiano di trasformarsi in una vera tortura.
Molto spesso, quello che serve è solo un tocco di originalità.

Introducing a Bonesplitterz Wurrgog Prophet (commission work)

Pianificare è spesso una capacità fondamentale per un modellista, e quando si tratta di batch paintig (per i non pratici di gergo anglossassone, si intende con batch painting uno stile schematizzato di step di pittura che si susseguono su un gruppo di modelli simili o che devono sembrare parte di una unica unità) la pianificazione evita anche di farti venire meno il lato divertente dell’hobby – quello dell’unicità.

Quando ci simo approcciati all’unità di 30 Arrowboyz, abbiamo definito innanzitutto quale fosse il colore principale che doveva essere inserito per forza in modo da far riconoscere l’unità come facente parte del resto dell’esercito: in questo caso, il colore scelto era il rosso – nello specifico Citadel Khorne Red.
Per chi come me non è per nulla pratico di Age of Sigmar (non ancora almeno, visto che una tra i progetti del 2020 c’è una warbande di Nurgle…), vi basti sapere che spesso le unità di fanteria (come gli Arrowboyz, appunto) accompagnano o sono accompagnate da eroi (in questo caso, ad esempio, il Wurrgog prophet qui sopra.)
Da qui l’intuizione.
Dopo una breve lettura delle pagine di Lexicanum che riguardano i Savage Orruks, avevamo tutto quello che ci serviva per ricreare una grossa banda di chiassosi Orruks, quasi impazziti dalla sete di battaglia al punto da strapparsi le armature di dosso e, coperti delle ossa dei nemici, buttarsi nel cuore della battaglia sprezzanti del pericolo, in onore dei loro rissosi dei.
Come?
Seguiteci per gli aggiornamenti!

“Follow me boyz! I kno da way!”


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...